Prodotti senza Lattosio

Date:17 Set, 2016

Skills:Redazione del disciplinare

Client:L-Free

Url:www.associazioneaili.it

Prodotti senza Lattosio

L’intolleranza al lattosio (definita anche ipolattasia) è la mancanza parziale o totale della lattasi, l’enzima in grado di scindere il lattosio nei suoi due zuccheri semplici: galattosio e glucosio. Si stima che il 70% della popolazione mondiale sia intollerante al lattosio, in Italia circa il 50%.
Il lattosio è il principale zucchero del latte (tra cui latte di mucca, di capra, di asina, oltre che al latte materno) presente anche in altri prodotti caseari e derivati del latte. Inoltre, il lattosio viene utilizzato in molti alimenti come addensante e come eccipiente in molti farmaci e integratori. Per questo occorre sempre leggere attentamente la composizione degli alimenti, dei farmaci e degli integratori, per evitare l’introduzione accidentale di quote di lattosio.

Scopo del progetto.

In questi ultimi anni, considerata la particolare attenzione alle allergie e delle intolleranze alimentari e dato anche l’incremento del numero dei soggetti intolleranti al lattosio, è aumentata l’esigenza di reperire con facilità e sicurezza prodotti alimentari e farmaceutici senza lattosio e/o senza latte e derivati. L’idea di creare un Marchio che identifichi i prodotti e i servizi senza lattosio o senza lattosio e senza latte e derivati nasce da una forte richiesta sociale emersa ed individuata grazie alla collaborazione con l’Associazione Italiana Latto-Intolleranti Onlus (AILI).

ELLEFREE srl (abbr. Lf) ha ideato e realizzato il primo Marchio italiano e comunitario che identifica i prodotti e/o i servizi destinati ai soggetti intolleranti al lattosio denominato “Lfree”.
L’innovatività di questo progetto non risiede solo nell’aver sviluppato un Marchio collettivo e figurativo, italiano e comunitario, ma anche nell’aver elaborato e redatto per la prima volta un Disciplinare ad alto valore tecnologico che correda il Marchio Lfree. Il suddetto documento tecnico-scientifico illustra e definisce i requisiti minimi più corretti e cautelativi che un prodotto deve possedere per essere definito senza lattosio o senza lattosio e senza latte e derivati.

Il disciplinare e regolamento d’uso è stato definito da Lf proprietaria e concessionaria del Marchio Lfree con il quale si identificano i prodotti espressamente destinati a consumatori intolleranti al lattosio che rispondono al presente disciplinare, con la collaborazione e il supporto di AILI. Si tratta di un progetto importante e complesso, che testimonia l’impegno dell’Associazione per la tutela della salute degli intolleranti al lattosio e per una corretta informazione sui prodotti.

I requisiti di certificazione.

Il disciplinare mira, quindi, a definire i requisiti ritenuti più corretti e cautelativi – sulla base delle attuali conoscenze scientifiche e della pluriennale esperienza dell’associazione AILI – per definire un alimento “senza lattosio” (in lingua anglosassone “lactose free”) o “senza lattosio e senza latte e derivati” (in lingua anglosassone “milk free”) e garantire i consumatori latto-intolleranti circa la conformità degli alimenti pre-imballati e farmaci identificati dal marchio “Lfree”.

Il marchio è rilasciato solo a seguito dell’esito conforme dei controlli svolti da Lf anche per il tramite di enti di controllo e/o certificazione qualificati e autorizzati da Lf nel rispetto dei principi e requisiti delle norme UNI CEI EN 19011 e UNI CEI EN 17065.

Il Disciplinare per la concessione del Marchio Lfree riporta una serie di criteri che l’Azienda deve possedere ed applicare per assicurare il rispetto del requisito senza lattosio o senza lattosio e senza latte e derivati, a tal fine deve anche assicurare che siano applicati come pre-requisito tutti gli aspetti normativi per l’igiene e la sicurezza alimentare.

Il disciplinare si applica agli alimenti pre-imballati e farmaci ottenuti in uno specifico laboratorio e/o industria di un operatore sottoposto a controllo e certificazione.

A. PRODOTTI SENZA LATTOSIO “LACTOSE FREE”
1. Prodotti alimentari ottenuti con ingredienti (o con semilavorati) privi di lattosio o delattosati. 2. Adozione di tutte le misure atte a prevenire contaminazioni accidentali e tecnicamente inevitabili, in modo da garantire un prodotto finale “senza lattosio” (o “lactose free”) con un contenuto in lattosio sempre inferiore o uguale a 100 mg/Kg (pari a 100 ppm, pari a 0,01 gr / 100 gr o ml di prodotto).

B. PRODOTTI SENZA LATTOSIO E SENZA LATTE E DERIVATI “MILK FREE”
1. Prodotti alimentari ottenuti con ingredienti (o con semilavorati) privi di latte e derivati.
2. Adozione di tutte le misure atte a prevenire contaminazioni accidentali e tecnicamente inevitabili, un prodotto finale “senza latte e derivati” (o “milk free”) se, in aggiunta al requisito sopraindicato (A.2), non sono rilevabili tracce di latte espresse in beta-lattoglobulina e caseina superiori a 0,5 ppm.

C. Prodotti farmaceutici ottenuti senza l’impiego di lattosio come ingrediente o eccipiente. D. Rintracciabilità dei singoli lotti degli ingredienti che costituiscono ogni partita di prodotto.

I requisiti di concessione.

La concessione d’uso del Marchio è a titolo oneroso che prevede un contributo annuale calcolato sulla base del numero di prodotti e degli stabilimenti produttivi.
In fase di avvio della certificazione e rilascio del marchio, Lf (o l’ente di ispezione e/o di certificazione autorizzato) verifica lo/gli stabilimento/i di produzione dell’Organizzazione dove avviene l’attività più critica, significativa e rilevante ai fini della conformità oltre ad eventuali subfornitori o terzisti presso i quali si renda necessario il controllo dei requisiti di conformità richiesti dal presente disciplinare.

Gli audit di sorveglianza utili ai fini della verifica del mantenimento delle condizioni di conformità saranno effettuati con frequenza almeno annuale. Il numero e la tipologia degli stabilimenti verificati è stabilito in relazione alla criticità dei siti e delle attività svolte.

Il contributo è essenziale per coprire i costi relativi a questo progetto, per il finanziamento di tutti i progetti finalizzati a migliorare la qualità di vita degli intolleranti al lattosio, per sensibilizzare la società ed Istituzioni ed aumentare il numero di diagnosi e per finanziare progetti di ricerca sull’intolleranza al lattosio

Come le Aziende possono utilizzare il Marchio.

Il Marchio viene rilasciato in concessione d’uso non esclusiva per un anno, rinnovabile ad ogni scadenza per il triennio successivo.
Il Marchio può essere concesso non solo ai prodotti sostitutivi senza lattosio e/o senza latte e derivati ma anche a tutti i prodotti alimentari del libero commercio di categorie a rischio di contenere lattosio e/o latte e derivati (salumi, gelati, sughi, salse, preparati per brodo, integratori alimentari, ecc.), purché ne sia stata preventiva mente accertata l’idoneità al consumato re intollerante al lattosio.

L’uso marchio deve essere riferito esclusivamente ai prodotti conformi al disciplinare e autorizzati da Lf ed è vincolato al rispetto continuo e sistematico delle condizioni di conformità al Disciplinare e Regolamento d’uso del marchio e Contratto di licenza d’uso.

Una volta ottenuta la concessione, il Marchio potrà essere utilizzato sul packaging e su pubblicazioni/pubblicità inerenti i prodotti licenziatari dello stesso. Tutti i prodotti a Marchio Lfree verranno pubblicati sul sito www.associazioneaili.it e comunicati ai soci AILI.